DPI: gli obblighi del datore di lavoro

La lunga evoluzione normativa delle misure di prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali, ha avuto il suo epilogo nel Decreto Legislativo 81/2008, successivamente corretto dal Decreto Legislativo 106/2009. Nello specifico, il Titolo III del così detto “testo unico”, detta le regole riguardanti l’uso delle attrezzature di lavoro e dei dispositivi di protezione individuale, formulando:

  • una definizione precisa dei concetti di attrezzatura di lavoro, lavoratore esposto, zona pericolosa , operatore;
  • individuando gli obblighi del datore di lavoro e le disposizioni riguardanti l’uso delle attrezzature di lavoro.

Nel contesto delle attrezzature di lavoro, un rilievo specifico hanno i dispositivi di protezione individuale, riguardo ai quali la norma definisce le prescrizioni d’uso, i requisiti, nonché gli obblighi del datore di lavoro e dei lavoratori. Al datore di lavoro la legge attribuisce i seguenti  obblighi:

  • Scegliere i dispositivi di protezione individuale,  affinché siano adeguati ai rischi che non è stato possibile evitare con altri mezzi, analizzandone le caratteristiche (anche sulla base delle informazioni fornite dal fabbricante) e verificando che siano adeguati ai rischi specifici. Nella selezione dei dispositivi il datore di lavoro deve tenere conto delle fonti di rischio derivanti dall’uso dei DPI, ed aggiornare la scelta ogni qualvolta intervengano variazioni significative degli elementi di valutazione.
  • Individuare le condizioni in cui un dispositivo di protezione individuale deve essere utilizzato e la durata dell’uso, in funzione dell’entità e della frequenza di esposizione al rischio, delle caratteristiche della postazione di ciascun lavoratore, delle prestazioni del DPI.
  • Fornire ai lavoratori i DPI conformi ai requisiti previsti dalla norma,  garantendo che gli stessi siano utilizzati esclusivamente per gli usi previsti.
  • Fornire ai lavoratori informazioni adeguate all’uso del DPI e alla specifica funzione di protezione dal rischio, garantendo – qualora necessaria – la formazione e l’addestramento finalizzati al corretto utilizzo del dispositivo.
  • Mantenere in efficienza i DPI, attraverso la manutenzione e le riparazioni necessarie, assicurandone le condizioni d’igiene, destinando, di regola, i DPI ad un uso esclusivamente personale. Qualora le circostanze richiedano l’uso di uno stesso DPI da parte più persone, il datore di lavoro prende misure adeguate affinché tale impiego non causi problemi igienici o sanitari agli utilizzatori.
  • Definire le procedure aziendali per la riconsegna e il deposito del DPI, al termine dell’utilizzo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *