Rischi emergenti, disponibili i dati della terza indagine dell’OSHA

L’OSHA ha reso disponibili i dati relativi alla terza indagine europea fra le imprese sui rischi nuovi ed emergenti, inserendo nello strumento per la visualizzazione dei dati ESENER i risultati del 2019.

L’indagine è finalizzata a comprendere come vengono gestiti i rischi per la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro, ponendo particolare attenzione ai rischi psicosociali, ossia stress lavoro-correlato, violenza e molestie.

Per la prima volta è possibile confrontare i risultati di ESENER 2019 con quelli di ESENER 2014 a livello europeo e per paese, settore di attività o dimensioni dell’impresa.

Nella primavera/estate 2019, l’indagine ha coinvolto un totale di 45420 imprese, attive nei diversi settori lavorativi e con almeno cinque dipendenti, in 33 paesi: Stati membri dell’UE, Islanda, Macedonia del Nord, Norvegia, Serbia, Svizzera e Regno Unito. Il questionario è rimasto sostanzialmente identico a quello ESENER 2014, consentendo così la possibilità di effettuare confronti temporali. Sono state aggiunte alcune nuove domande in merito ai seguenti temi: digitalizzazione, salute e sicurezza sul lavoro, nomina di rappresentanti della salute e della sicurezza e qualità dei servizi di prevenzione esterni.

L’indagine fornisce dati preziosi su come vengono gestiti i rischi sul luogo di lavoro, in particolare i nuovi rischi e i rischi emergenti, in tutta Europa.

Porre l’accento sui rischi nuovi ed emergenti significa far sì che le risposte facciano luce su aree legate alla SSL non sufficientemente esplorate e sempre più importanti come, ad esempio, i rischi psicosociali, sempre più spesso al centro di preoccupazioni nei luoghi di lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *